Notizie

20 Marzo 2015

Il Parmigiano Reggiano al Vinitaly

Ci sarà anche il Parmigiano Reggiano all’edizione 2015 di Vinitaly, con un ampio stand collocato a Sol&Agrifood, l’area destinata all’alimentazione di qualità.
“Una scelta – sottolinea il direttore del Consorzio, Riccardo Deserti – che si lega innanzitutto all’importanza di questa vetrina internazionale, che richiama annualmente a Verona decine di migliaia di visitatori e centinaia di operatori delle catene distributive di tutto il mondo, configurandosi come veicolo formidabile per diffondere la conoscenza del nostro prodotto e stabilire contatti che si possono trasformare in opportunità commerciali”.
In tal senso – spiega il direttore dell’Ente di tutela – riteniamo rilevante, oltre che nuovo, il filone dell’abbinamento del Parmigiano Reggiano con vini d’eccellenza per sostenere la diffusione internazionale del prodotto e delle esportazioni”.
“Contemporaneamente – prosegue Deserti – con questa presenza puntiamo ad evidenziare anche l’ampia versatilità del Parmigiano Reggiano, che ne favorisce l’uso nelle più svariate situazioni di cucina e, grazie alle diverse stagionature, permette ottimi abbinamenti per un pubblico che vuole accompagnare prodotti di eccellenza a vini di prestigio”.
Insieme al Consorzio e al Parmigiano Reggiano, in vetrina a Sol&Agrifood nell’ambito del Vinitaly si alterneranno, ogni giorno, due caseifici scelti tra quelli che solitamente partecipano alle iniziative di “Caseifici in tour” e che, pertanto, si presentano a fiere e manifestazioni rappresentando di tutto il settore.
“In questo modo osserva Deserti – metteremo in evidenza non solo l’alta qualità del prodotto, garantita da un disciplinare particolarmente restrittivo che pone le condizioni per una produzione autenticamente espressione del territorio di origine, ma anche il valore del lavoro dei caseifici artigianali che sono protagonisti di questo sistema”.

7 Marzo 2015

Crisi parmigiano: aumentano i similgrana

Nel 2014 in Italia sono diminuiti gli acquisti di Parmigiano Reggiano e Grana padano, mentre sono aumentati i formaggi anonimi. È stato questo uno degli importanti temi che Coldiretti ha portato all’attenzione a Bologna insieme al popolo del Parmigiano che, per la prima volta, è sceso in piazza con una colorata compagine di allevatori, casari, stagionatori, assaggiatori, cuochi, gourmet e tanti consumatori in allarme per difendere il formaggio italiano più conosciuto nel mondo, a tre anni dal terremoto che ha rovesciato a terra centinaia di migliaia di forme e distrutto stalle, caseifici e magazzini.

26 Gennaio 2015

Parmigiano Reggiano: fare “sistema” per rispondere alla crisi

Giovedì 22 gennaio, presso il servizio Agricoltura della Provincia di Reggio Emilia, si è tenuto un incontro sulla attuale situazione del Parmigiano Reggiano. All’incontro, convocato dal Consigliere provinciale con delega all’agricoltura Alessio Mammi, Sindaco di Scandiano, erano presenti:

17 Gennaio 2015

Parmigiano Reggiano, tradizione e futuro per il nostro territorio

Si svolge giovedì 22 gennaio alle ore 15 nella sede del Servizio Agricoltura della Provincia a Mancasale, un incontro tra Consorzio del Parmigiano-Reggiano, associazioni agricole e cooperative, promosso da Alessio Mammi, Consigliere delegato per l’Agricoltura e sindaco di Scandiano, volto ad affrontare la situazione del Parmigiano-Reggiano. Lo scopo è quello di un confronto costruttivo con tutti gli attori del sistema per conoscere la situazione, approfondire i problemi, individuare risposte concrete e gli obiettivi che insieme si possono conseguire per la salvaguardia di questo settore produttivo. Si parla di un settore strategico per l’agroalimentare e per l’economia reggiana, che coinvolge migliaia di persone e centinaia di aziende.

21 Novembre 2014

Tagli alla produzione di Parmigiano Reggiano

Scenderà del 5%, nel 2015, la quota di latte destinato alla trasformazione in Parmigiano Reggiano. Circa 800.000 quintali in meno, in sostanza, che porteranno la produzione di formaggio a 3.150.000 forme rispetto ai 3,3 milioni con i quali si chiuderà il 2014.
“Una rimodulazione dei piani di regolazione dell’offerta – ha detto il presidente del Consorzio Giuseppe Alai, nell’ambito dell’assemblea dei caseifici aderenti (poco meno di 370) – che non rappresenta soltanto una misura di carattere congiunturale”.
“Il riequilibrare l’offerta rispetto alla domanda per ridare fiato ai redditi dei produttori a fronte di quotazioni che hanno pesantemente risentito di un aumento produttivo che in tre anni è stato pari al 9,5%, oggi è una delle misure di carattere strutturale che debbono essere messe in atto per rispondere a cambiamenti di analoga natura avvenuti sui mercati mondiali del latte e dei formaggi e a ciò che la crisi economica ha generato a carico delle famiglie”.
“Dall’inizio della crisi economica – ha proseguito Alai – il reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 13,1% e i consumi di formaggi sono scesi del 6,3%. Ciò nonostante, i consumi interni di Parmigiano Reggiano, apparsi in calo all’inizio del 2014, negli ultimi tre mesi sono aumentati del 4%; contemporaneamente, però, le quotazioni all’origine sono apparse i continua discesa (-14% in un anno) e proprio questi dati dimostrano che a prezzi bassi si può vendere di più (tanto che da due anni sono in sensibile diminuzione anche le importazioni di similgrana) e che la produzione tende naturalmente a diminuire, ma siamo ben lontani da elementi strutturali che possano garantire quel reddito ai produttori che sta invece diminuendo”.
“A fronte dell’ormai imminente termine del regime delle quote latte in Europa – ha aggiunto il presidente del Consorzio – si profila un mercato in cui la produzione aumenterà mentre non cresceranno i consumi: a questo scenario ancora più complesso e competitivo, o si risponde come sistema, regolando i flussi, o il rischio è quello di non essere piloti, ma passeggeri del mercato, e quindi trasportati da eventi ingovernabili”.
Dopo gli aumenti del 2011 (+174.000 forme), del 2012 (+225.000 forme) e del 2013 (173.000 forme) e il +0,7% che si registra a novembre 2014, per il 2015 l’Assemblea dei caseifici aderenti al Consorzio del Parmigiano Reggiano ha dunque deciso il taglio del 5% della produzione 2015, ma anche una “spending review”, proposta dal Consiglio, che porterà ad un taglio, sulle sole spese di struttura, di 700.000 euro e ad un calo complessivo del bilancio per 3,5 milioni, mentre nessun aumento è previsto sui contributi versati dai caseifici, fermi dal 2003.
Al taglio della produzione, ora, i singoli allevatori saranno chiamati ad aderire individualmente in quanto possessori delle quote latte trasformabile, assumendo così l’impegno a riorganizzare un sistema il cui obiettivo è quello di raggiungere un equilibrio di mercato che non si limiti a non generare scorte, ma che garantisca reddito ai produttori. Un sistema, peraltro, alle prese con una situazione del comparto che si inserisce in un contesto nazionale ed internazionale senza precedenti e che vede altre prestigiose Dop italiane alle prese con gli stessi problemi di governo della produzione.