Notizie

19 Febbraio 2016

I guardiani della Costituzione

Il disegno di legge sulle unioni civili su cui si discute in Parlamento e nel Paese non è una contrapposizione fra arretratezza e modernità, per cui sarebbe arretrato tutto ciò che si oppone alla predeterminazione forzata della vita e della sua imprevedibilità, e sarebbe invece moderno tutto ciò che conduce a trasformare in diritto ogni desiderio, andando oltre a ciò che per natura è possibile.
Sono valori diversi in gioco, molto diversi. Perché siamo convinti che insistere sulla responsabilità personale in luogo della codificazione ad oltranza di diritti positivi è un valore.
Noi che ci opponiamo a questa deriva omologante in un contesto di falsa tolleranza, non stiamo discutendo del riconoscimento di diritti di mutua assistenza e solidarietà ai conviventi.inserto
Tanto è vero che abbiamo preparato questo terzo inserto per La Libertà per offrire alla conoscenza e alla presa d’atto dell’opinione pubblica una panoramica della normativa, della giurisprudenza, degli atti degli enti istituzionali che garantiscono già da ora una gamma assai vasta di diritti soggettivi.
Molto interessante è poi il lavoro di tessitura delle varie normative in una sintesi di testo unico che gli esperti del comitato “Sì alla famiglia” hanno preparato e posto all’attenzione dei Senatori.
è il nostro modo di contrastare la presunzione del radicalismo di massa che vuole realizzare un ordine supremamente razionale.
E questa presunzione vuole misurarsi oggi sul terreno (delicatissimo) antropologico.
è dunque sul terreno dei valori che cerchiamo di offrire un contributo libero, rispettoso e documentato.

8 Ottobre 2015

Grave forzatura del PD sulle unioni civili

Il PD ha presentato in Senato un nuovo testo di disegno di legge sulle unioni civili ( exCirinnà) che azzera ogni possibilità di dialogo.
Si ribadisce l’adozione, la pensione di reversibilità e , pur chiamandole con un altro nome, si disegna un vero e proprio istituto matrimoniale e genitoriale per copie dello stesso sesso.
Sia ben chiaro a tutti che questo significa anche e soprattutto “utero in affitto”.
Per restituire unità al proprio partito, i dirigenti del PD non si fanno alcuno scrupolo nel gettare a mare la cellula portante della nostra società e cioè la famiglia.
Così come il movimento 5 stelle non si fa scrupolo di offrire i propri voti determinanti al PD che accusa ogni giorno delle peggiori nefandezze!

5 Dicembre 2014

La chiarezza del Forum sul gender

Il FORUM delle Associazioni Familiari di Reggio Emilia esprime preoccupazione e disagio di fronte alle difficoltà e ai giudizi sommari che si frappongono a chi, cittadini e associazioni, si impegna a viso aperto a contrastare i tentativi in atto di introdurre la cosiddetta “teoria del gender” nella legislazione e a denunciare come lesivo delle libertà democratiche il DdL Scalfarotto.