Notizie

14 Febbraio 2016

Imprese reggiane: calano le cessazioni

Positivo e pari a +226 imprese il saldo fra iscrizioni e cessazioni. Per il secondo anno consecutivo si chiude con il segno più – e in crescita rispetto al 2014 – il saldo fra le nuove aperture e le chiusure delle aziende reggiane al Registro Imprese della Camera di Commercio che al 31 dicembre scorso contava 55.911 imprese.

30 Gennaio 2016

Aumentano le reti d’impresa

Accrescere la competitività, sviluppare prodotti e conoscenze complementari tra loro attuando una nuova forma di cooperazione e sinergia tra imprese, superare le difficoltà connesse alla ridotta dimensione aziendale: sono questi alcuni degli obiettivi che spingono gli imprenditori a mettersi in rete.

20 Gennaio 2016

Le imprese reggiane possono guardare all’Iran

Potrebbe decisamente impennarsi la domanda proveniente dall’Iran dopo la fine delle sanzioni economiche e finanziarie internazionali che per 10 anni hanno pesato sulle relazioni tra il Paese asiatico e il resto del mondo.

13 Gennaio 2016

Calano i fallimenti e i concordati

Fallimenti in calo in provincia di Reggio Emilia. I timidi segnali di ripresa economica passano anche dal minor numero di procedure  presentate al Tribunale nel 2015.

4 Gennaio 2016

Commercio: tutti i dati del 2015

Cambia la fisionomia del commercio al dettaglio della provincia di Reggio Emilia. In undici mesi, da gennaio a novembre 2015, il territorio reggiano ha infatti assistito ad un incremento di 5 supermercati, 2 discount alimentari, 1 grande magazzino, 4 empori non specializzati di prodotti non alimentari e contemporaneamente, limitando l’analisi alla grande distribuzione, ad una flessione pari a 9 unità nel numero di minimercati alimentari. Gli esercizi non specializzati di vendita al dettaglio hanno raggiunto, a fine novembre 2015, le 533 unità.

18 Dicembre 2015

CCIAA investe sulle imprese reggiane nel mondo

Ha sfiorato i 7 miliardi di euro – con un incremento del 3% – il valore dell’export reggiano dei primi nove mesi del 2015. Anche nel terzo trimestre, infatti, è continuato il trend positivo già registrato nei mesi precedenti, con un autentico boom dei flussi verso gli Stati Uniti.
Al buon andamento delle esportazioni in Europa – con un +1,6% che ha portato il valore delle esportazioni provinciali nel vecchio continente a quasi 5 miliardi – si è infatti associato un deciso aumento sul continente americano che, con un +14,1% e 832 milioni di prodotti “made in Reggio Emilia” acquistati, ha superato il continente asiatico.
Gli Stati Uniti, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio sui dati diffusi dall’Istat, in nove mesi hanno importato prodotti reggiani per 525,4 milioni, registrando un incremento del 15,2% e confermandosi il nostro terzo maggior acquirente dopo la Germania – verso la quale sono destinate merci per 971,4 milioni (+3,4% da gennaio a settembre 2015) – e la Francia. Il valore delle esportazioni verso quest’ultima, pur rimanendo superiore ai 900 milioni, è però in flessione del 3,7%.
Rimanendo in Europa, ma fissando l’attenzione sui Paesi extra UE, si osserva la continua diminuzione dell’export verso la Russia, che nel periodo gennaio-settembre di quest’anno ha registrato una flessione del 33,2% rispetto allo stesso periodo del 2014, portando il valore a 174,6 milioni. In crescita del 18,9%, invece, le vendite dirette in Turchia che hanno raggiunto i 121,8 milioni.
Ritornando al continente americano, l’export reggiano segna un picco di crescita dell’85,4% in Messico, dove i valori dei primi nove mesi 2015 (81,3 milioni) sono pressoché raddoppiati rispetto al 2014 (43,8 milioni). Andamento positivo anche per le vendite verso il Canada, che raggiungono i 69,8 milioni (+0,9%), mentre è in flessione il mercato brasiliano (58,2 milioni; -5,6%).

16 Dicembre 2015

Start Up innovative: tutte le opportunità

Il quadro delle opportunità per le start up innovative sarà al centro del seminario organizzato per venerdì 18 dicembre dalla Camera di Commercio di Reggio Emilia in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, Aster e Reggio Emilia Innovazione.