Torna la Città del Lettore

Nelle serate del 13, 14, e 15 maggio 2024, gli spazi del liceo Aldo Moro di Reggio Emilia si trasformeranno per il sesto anno in una città, la Città del Lettore.

L’attività è aperta a tutti, gratuita, ma è obbligatorio iscriversi. Le iscrizioni aprono il 6 maggio.

Durante le serate, dalle 19:30 alle 22:00, i 1000 spettatori avranno la possibilità di passeggiare liberamente tra i viali di una vera e propria città in miniatura, La Città del Lettore.

Questo però non è un paese qualsiasi, infatti pur mostrando i luoghi tipici di una città, ha una caratteristica unica: ogni attività della cittadina è metaforicamente ispirata ad un testo letterario, che può trattare qualsiasi tema ed essere di qualsiasi tipo (prosa, poesia, teatro, romanzi, novelle), e, cosa più importante, è messo in scena da ragazzi dai 15 ai 19 anni, con l’obiettivo di dare vita alla letteratura.

Non dovete temere se siete poco avvezzi a questo mondo, non è necessaria alcun tipo di conoscenza, solamente tanta voglia di divertirsi. È un’occasione unica ed imperdibile per essere catapultati nell’universo della letteratura, reinterpretata ed adattata da 400 studenti del liceo, in collaborazione con altre scuole, sotto la regia del professor Daniele Castellari (padre dell’iniziativa).

Le attività sono più di trenta, potrete passeggiare tra i corridoi di una galleria d’arte in cui specchiarvi in quadri del tutto inaspettati, ritirare da un bancomat la ricchezza delle citazioni tratte da libri, fare visita all’idraulica Buzzati dove verrà narrata con visori 3D di realtà aumentata, la storia di una misteriosa goccia che risale le scale di un palazzo, fare uno yoga letterario, o ancora assistere ad una seduta della commissione dell’esame di stato di quinta superiore della città, dove potrete confrontarvi con gli scienziati, gli artisti e i poeti più famosi della storia; ed infine farvi creare il profilo letterario da camerieri mentre sorseggiate una bibita fresca con i vostri amici.

 

Queste sono solo alcune delle numerosissime attività a cui potrete partecipare se per una notte diverrete i cittadini della Città del Lettore. La serata è l’occasione perfetta per avvicinarsi al mondo della letteratura, soprattutto se non si ha molto tempo per leggere libri (in un paio d’ore si potrà entrare in contatto con tantissimi romanzi diversi), ma sicuramente è anche una straordinaria opportunità per rivalutare testi che non apprezzate o cogliere altri aspetti di quel libro che tanto adorate.

Tutti sono caldamente invitati a partecipare per passare una piacevolissima serata in compagnia, piena di risate e divertimento, per sperimentare un diverso e più efficace modo di fare scuola: gli studenti sono al centro, si mettono in gioco e danno il massimo, sviluppando tantissime competenze in più rispetto alla scuola tradizionale.

È un’occasione per dare sfogo alla creatività e alle idee dei ragazzi, lasciando ad ognuno la libertà di linguaggio. Proprio questo rende magnifica la Città: il perfetto connubio tra diversi modi di comunicare (teatro, danza, musica, arte figurativa), tutti con un unico obiettivo, divertirsi, far divertire e far conoscere il mondo sconfinato della letteratura.

In occasione della serata inaugurale (13 maggio) verrà presentato il libro “E questa sarebbe una scuola? La Città del Lettore ovvero cinquantacinque modi per vivere la letteratura”, scritto dall’ideatore dell’iniziativa, professor Daniele Castellari, ed edito da Aliberti, in cui viene narrata la nascita della Città e le passate cinque edizioni.

D’Autilio Filippo 

in rappresentanza degli studenti del Liceo scientifico Aldo Moro di Reggio Emilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *