Csi ed Emilia Corse lanciano lo Speed Down sulle discese di Vogno

Csi ed Emilia Corse lanciano lo  Speed Down sulle discese di Vogno

Sapete cos’è lo Speed Down? Se non conosceste questa disciplina e se per caso foste passati nei pressi di Vogno , sul nostro Appennino, domenica scorsa, imbattendovi in modellini stile cart che scendono a velocità folli da una strada asfaltata, con pendenze di vario tipo, avreste capito esattamente cosa sia lo Speed Down e quante emozioni possa regalare una disciplina del genere. Sabato e domenica scorsi a Vogno di Toano, l’associazione sportiva Emilia Corse, in collaborazione col Csi di Reggio Emilia, ha organizzato la tappa finale del “Trofeo dalle Alpi agli Appennini”, per tre anni solo Trofeo degli Appennini , una sporty race davvero emozionante sia per i piloti, sia per coloro che hanno assistito alla gara lungo il tragitto e all’arrivo.

Lo Speed Down, ex carrette, è riconosciuto dal Csi da tantissimi anni, ma non rientra nelle discipline accettate dal Coni. Si tratta della discesa di mezzi senza motore, prima trainate dai piloti in salita, fino al punto di partenza, per poi vederle schizzare a velocità importanti fino al traguardo, ovviamente in un percorso messo in sicurezza con balle di fieno ed elementi in gomma che possano attutire un’eventuale curva sbagliata o un fuoripista inatteso. 

Emilia Corse, un’associazione sportiva nata nel 2017, fondate e tuttora presieduta da Iris Ruggi, che proviene da una costola della Pro Loco di Manno di Toano, si è cimentata in vari campionati dal Campionato Italiano a Coppa Europa ad un Internazionale disputato a Manno nel 2022, dove hanno partecipato piloti da tutta europa; Per tre anni ha organizzato il Trofeo degli Appennini coinvolgendo più regioni; ha organizzato questo quarto evento sul nostro Appennino, allargando però gli orizzonti della gara anche alle Alpi, coinvolgendo quindi, nelle tappe precedenti, Veneto, Lombardia e Umbria, tanto da creare una prima edizione interregionale targata Csi di Reggio Emilia. Le gare in programma erano quindi quattro, una in ognuna delle regioni citate e l’ultima, quella in territorio reggiano, ha avuto luogo domenica a Vogno; il prossimo anno, però, tale iniziativa sarà allargata a ben sei regioni, con l’inserimento di Marche e Piemonte. 

Viste le dimensioni che ha ormai assunto il  “Torneo dalle alpi agli Appennini”, ideato proprio da Iris Ruggi, Emilia Corse ha organizzato l’evento in collaborazione col Csi provinciale, rappresentato dal presidente Alessandro Munarini, oltre che dai lombardi di Speed Down Lumezzane, dai vicentini del Consorzio ValleOgra Asd  e da Team  carrette Narni” del Team Carrette Narni proveniente dall’Umbria.

Il Csi, per l’occasione, ha organizzato un’unica tappa del campionato provinciale di Speed Down, al termine del quale il presidente Munarini ha premiato insieme al sindaco di Toano Vincenzo Volpi vincitori e vinti. Per rendere speciale tale giornata, gli istruttori del Centro sportivo di Reggio Emilia hanno proposto ai presenti, soprattutto ai ragazzi, tanti giochi da eseguire sul campo sportivo di Vogno.

“Emilia Corse ringrazia di cuore il Csi di Reggio Emilia, rappresentato dal presidente Alessandro Munarini, che è stato disponibilissimo nel seguire tutta una giornata con noi – spiega Iris Ruggi, presidente della società del nostro Appennino – Grazie inoltre a tutti coloro che hanno lavorato con impegno che hanno consentito la realizzazione di tutto questo a partire dal mettere in sicurezza le strade, alla proloco di Vogno alle amministrazioni comunali e da tutti i partecipanti. Io proseguirò per la mia strada, potenziando sempre di più il Trofeo dalle Alpi agli Appennini, che considero uno spettacolo unico”.

Alle gare di Speed Down partecipano anche ex professionisti , campioni italiani ed europei provenienti da tutta Italia  che domenica hanno potuto respirare e toccare con mano quella splendida atmosfera di amicizia e di divertimento che ha reso speciale l’evento. Un grazie anche ai dj della Reggio Calling, contattati dal Csi, che con i loro mix e le loro canzoni hanno dato un contributo a livello di emozioni davvero importanti in una giornata nella quale, le emozioni non sembravano finire mai”.



Leggi altri articoli di Sport


Argomenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.