Il mio primo Montagna: oltre 50 bimbi in campo col sorriso

Grande successo per la nuova iniziativa del Csi che ha fatto vivere una giornata di sport a tanti giovanissimi calciatori sullo splendido manto erboso del Maracanà di Carpineti.

Per la cronaca ha vinto il Casina, ma a trionfare sono stati davvero tutti i bimbi in campo. Non è retorica, ma è la pura verità: oltre 50 ragazzini in festa hanno rincorso un pallone, anzi due, per essere precisi, visto che sullo splendido manto erboso del Maracanà di Carpineti sono stati delimitati due terreni di gioco, dando vita, sabato 24 giugno, alla prima edizione de “Il mio primo Montagna”, l’iniziativa promossa dal Comitato territoriale Csi di Reggio Emilia, in collaborazione con Atletic Progetto Montagna e Real Casina, che anno organizzato un mini torneo, cinque contro cinque, con squadre di bimbi nati negli anni 2015 e 2016.

Il Csi reggiano, con questo evento, ha pensato di coinvolgere fin da subito le giovani leve, facendole immergere nella magia del Montagna, in modo che potessero iniziare ad assaporare già da ora i contenuti del secondo torneo più longevo d’Italia nel quale, in futuro, saranno senz’altro protagonisti. Le sei squadre partecipanti sono state divise in due gironi: nell’A c’erano Ventasso, Felina e Castelnovo Capitale; mentre nel B giocavano Casina, Carpineti e Cavola.

A vincere è stato il Casina, ma… “è stato un pomeriggio fantastico e francamente non importa chi abbia vinto – ha spiegato soddisfatto il direttore tecnico del Csi di Reggio Emilia Giovanni Codazzi – In una giornata splendida, su un terreno di gioco che faceva venire voglia a chiunque di dare un calcio a un pallone, oltre 50 bambini si sono divertiti per quasi tre ore, iniziando questo minitorneo alle 15,30, per poi concluderlo con le finali alle 18.

Sui due campi paralleli i nostri occhi hanno provato la gioia di vedere il puro divertimento, tanti sorrisi e tanta felicità e questo ci ha fatto capire che la scelta di proporre un’iniziativa del genere a ragazzini così piccoli è stata vincente – chiosa Codazzi – A tal proposito, vorrei ringraziare il Real Casina e dell’Atletic Progetto Montagna, che ci ha prestato la struttura, oltre a tutti i genitori che hanno portato i loro figli a giocare, ognuno dei quali è uscito dal campo con una medaglia ricordo con su scritto “Il mio primo Montagna”, così come ognuna delle sei squadre partecipanti ha ricevuto una coppa, indipendentemente dal risultato. Insomma, la prima edizione di questa manifestazione tanto ludica e poco agonistica è stata un successo e questi ragazzi hanno iniziato ad assaporare il fascino del Montagna, un torneo nel quale hanno ormai già mosso i primi passi e dove saranno certamente protagonisti domani”.



Leggi altri articoli di Sport


Argomenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *