Credere per vedere, 25 mila euro dai Lions Club

Alcuni soci dei tre Lions Club con i volontari di Credere per Vedere

Prendersi cura dei bisogni degli altri è una vocazione che accomuna i ragazzi diversamente abili impegnati nel progetto Dejavu-Laboratorio di riciclo e terapia occupazionale dell’associazione onlus “Credere per Vedere”, già supportato, promosso e patrocinato dal Comune di Scandiano, e i soci dei Lions Club Reggio Emilia Regium Lepidi e Cispadana, La Guglia Matilde di Canossa e Scandiano che stanno sostenendo le loro attività con l’acquisto di tecnologie e attrezzature informatiche per oltre 25mila euro.

I volontari dell’associazione avevano bisogno di ammodernare con nuove attrezzature hardware e software il Laboratorio di riciclo e terapia occupazionale in cui sono impegnati i ragazzi del centro socio-riabilitativo Zorella e del centro socio-occupazionale Concha, che fanno capo alla Cooperativa Sociale Lo Stradello di Scandiano. In oltre dieci anni di attività, infatti, il laboratorio ha donato circa 400 vecchi computer recuperati e ricondizionati a scuole, centri per il doposcuola, servizi sociali, associazioni di volontariato e assistenza pubblica.

I Lions si sono immediatamente attivati per fornire al laboratorio tutta la strumentazione informatica necessaria, che servirà non solo a velocizzare le operazioni di ripristino dei devices, ma anche per aumentare le postazioni di lavoro dedicate ai ragazzi diversamente abili.

Di fronte alla laboriosità e all’impegno dei ragazzi, la generosità dei Lions si è spinta oltre: il loro sostegno è andato anche al nuovo progetto “DejaPrint3D” che prevede la progettazione e la realizzazione a titolo gratuito di ausili per persone diversamente abili, nonché la realizzazione e la stampa di ausili su richiesta di terapisti occupazionali, medici e cliniche del territorio reggiano.

I Lions hanno provveduto quindi alla donazione di tre stampanti 3D tipo FDM e due di tipo UV Resina, scanner e altre tecnologie che vanno ad arricchire la strumentazione del Laboratorio di riciclo e terapia occupazionale, perseguendo quell’ammodernamento tecnologico necessario in grado di facilitare l’attività dei volontari di “Credere per Vedere”, al fine di migliorare la qualità di vita delle persone più fragili dal punto di vista fisico ed economico con la fornitura di dispositivi, supporti e sostegni progettati appositamente.

Il progetto “DejaPrint3D” utilizza la tecnologia della stampa 3D in modalità assistiva e solidale ed è realizzato in collaborazione con la Facoltà di Terapia occupazionale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e l’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM)-Sezione di Reggio Emilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *