Coldiretti: le opportunità della nuova PAC

“I ragazzi che sono qui oggi hanno investito in agricoltura perchè hanno visto in questa professione una traiettoria di futuro. È importante fare in modo che non manchino mai momenti di confronto utili ai nostri soci per rimanere aggiornati sulle novità e sulle opportunità offerte al comparto dalla nuova PAC. In particolar modo nella nostra regione, dove siamo riusciti a ottenere per l’agricoltura l’8% delle risorse messe a disposizione del PSR, ovvero 913 milioni di euro”.

Lo ha detto il Direttore di Coldiretti Emilia Romagna Marco Allaria Olivieri in occasione della tappa regionale di Infopac, il tour informativo voluto da Coldiretti nazionale e cofinanziato dall’Unione Europea per aggiornare i soci sulle novità della nuova Politica Agricola Comune. All’incontro, ospitato dall’hub di Bonifiche Ferraresi, a Jolanda si Savoia, hanno preso parte, oltre al Direttore regionale, Luca Palazzoni, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia, Luca Gelsi, responsabile CAA Coldiretti regionale, Lorenzo Belcapo, responsabile nazionale CAA Coldiretti, Stefano Leporati, Segretario nazionale Coldiretti Giovani Impresa e Filippo Pallara, giovane agricoltore ferrarese che ha condiviso la sua esperienza illustrando le opportunità di cui ha usufruito tramite Demetra, la piattaforma di Coldiretti, utilizzabile all’interno dei servizi offerti dal Portale del Socio, a supporto dell’agricoltura di precisione per la gestione integrata delle attività quotidiane e per la pianificazione di quelle future.

La nuova Pac è entrata in vigore da poco più di due mesi e, seppure conservi alcuni elementi della vecchia programmazione, presenta importanti novità per le aziende agricole. Per informare gli agricoltori sul funzionamento della nuova Politica agricola e sulle opportunità che essa offre, Coldiretti ha avviato un ciclo di 20 seminari in tutto il territorio italiano, all’interno del progetto Infopac della Commissione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *