Don Roberto Malgesini, non c’è inizio senza perdono

Il 15 settembre 2020 don Roberto Malgesini, 51 anni, viene ucciso, a Como, da una delle persone cui forniva aiuto. In occasione del primo anniversario della morte, San Paolo ha pubblicato il libro Asciugava le lacrime con mitezza, di Eugenio Arcidiacono. Ma la figura dell’eroico sacerdote, il suo instancabile sorriso, l’intensità dei suoi incontri con tutti, a cominciare dai più poveri, ci parlano ancora, ben oltre il passare del tempo, di una figura di uomo di Dio che sta diventando un punto di confronto per molti pastori e per tutti i credenti e gli operatori di carità. Questo libro offre la testimonianza eccezionale di un ex carcerato detenuto a Como, che racconta numerosi episodi in cui don Roberto ha offerto ascolto, correzione, incoraggiamento e aiuto concreto alle persone più dimenticate e isolate. Una vera e propria raccolta di “fioretti”, intensa, autentica, illuminante. Un “santo” raccontato da un uomo che grazie a lui ha ritrovato il senso del proprio cammino.

Zef Karaci, Don Roberto Malgesini. Non c’è inizio senza perdono, Edizioni San Paolo 2023, 188 pagine, 16 euro.

ZEF KARACI è nato nel 1983 in Albania. A 17 anni è immigrato in Italia e si è stabilito nella bergamasca per circa 4 anni. Nel dicembre 2005 è stato arrestato a Bergamo e in seguito processato e condannato per importanti reati. Un anno e nove mesi dopo, è stato trasferito nel carcere di Como. Lì ha incontrato persone che lo hanno aiutato ad avvicinarsi alla fede e alla Chiesa e ha conosciuto don Roberto Malgesini, di cui è diventato amico. Ha da poco tempo terminato di scontare la sua pena, ma il suo è un cammino di conversione che per grazia, e con l’aiuto di don Roberto, non si ferma. È autore di “Don Roberto Malgesini. Vai e prendi loro per mano” (Cantagalli, 2022), dedicato soprattutto al racconto della propria conversione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *