Un cuore da custodire, commento alle letture della prima domenica di Quaresima

La tentazione è uno passaggio ineludibile della vita spirituale per verificare se ciò che abbiamo sulle labbra è anche ciò che abbiamo nel cuore. Il male si insinua nel cuore dell’uomo attraverso il dialogo. Il credente, come Gesù, è invitato a rispondere con il contradditorio, cioè attraverso la Parola di Dio. La Parola disattiva la tentazione.
Il commento di monsignor Giacomo Morandi al Vangelo e alle letture della Messa della prima domenica di Quaresima (26 febbraio 2023).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *