Osvaldo Piacentini a 100 anni dalla nascita

Sarà celebrato giovedì 22 dicembre il centenario della nascita di Osvaldo Piacentini, una delle figure di maggior spicco nella storia reggiana del secolo scorso.

L’impronta di Piacentini, infatti, è profondamente incisa tanto nella vita della chiesa reggiana quanto in quella sociale e politica del nostro territorio, arricchita da esperienze, incontri, attività professionali e testimonianze che lo hanno reso, contemporaneamente, un punto di riferimento per il mondo cattolico, gli studi e i progetti urbanistici ben oltre i confini locali.

Non a caso, la figura dell’architetto e diacono reggiano sarà ricordata con una cerimonia religiosa nella cripta della Cattedrale di Reggio Emilia e nella Sala del Tricolore con la partecipazione dei più alti rappresentanti (e tra questi don Giuseppe Dossetti che rappresenterà mons. Giacomo Morandi nella messa e il Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi) dei diversi mondi che videro Piacentini tra i massimi esponenti di quel cattolicesimo sociale, animato da un forte impegno civile, che lo unì profondamente a figure emblematiche dell’impegno dei cattolici nella vita sociale e politica: da don Dino Torreggiani a don Mario Prandi, fino a don Giuseppe Dossetti e tanti altri sacerdoti e laici.

Nato il 29 dicembre 1922 a Scandiano, nel 1943 (quando già aveva conseguito il doppio diploma in maturità scientifica a Parma e all’Istituto per geometri di Reggio Emilia) Osvaldo Piacentini venne dapprima congedato e, poco dopo, richiamato alle armi; la scelta di disertare precedette di qualche mese la sua associazione ai partigiani della Terza Brigata Apuane con il nome di battaglia “Waldo”. Influente, anche in questo caso, fu il legame con un sacerdote: don Angelo Cocconcelli, storico parroco di San Pellegrino e allora in contatto con le brigate partigiane.

Nel 1946 (un anno dopo essere scampato alla fucilazione insieme al fratello Bruno, anch’egli partigiano), inizia l’attività professionale insieme ad alcuni amici, che fonderanno poi (1947 lo Studio Cooperativo di Progettazione Civile e, nel 1952, la Cooperativa Architetti e Ingegneri di Reggio Emilia.

L’intreccio tra impegno professionale, militanza cattolica, impegno civile e politico (nella Democrazia Cristiana) si fa sempre più stretto e segnerà tutta la vita di Piacentini. I suoi grandi studi e i progetti – che valgono a lui e alla Cooperativa Architetti e Ingegneri grandi riconoscimenti nazionali ed internazionali – sono orientati ad una ridefinizione dei contesti urbanistici (da Reggio Emilia a Bologna, Como, Pesaro, Modena, Treviso e altri ancora) e al disegno dello sviluppo di aree vaste come l’Appennino in cui è evidente l’attenzione alle fasce più deboli, alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse ambientali e allo sviluppo di servizi e relazioni tra persone.

Molto impegnato nella parrocchia del Preziosissimo Sangue, in città, inizia nel 1973 il cammino verso il diaconato permanente; sarà ordinato cinque anni dopo, insieme al primo gruppo di diaconi al servizio della Chiesa reggiana.

Tra gli ultimi e grandi contributi di Piacentini si ricorda quello assicurato, nel metodo e nel merito, alla impostazione del Primo Piano Territoriale Regionale, nel 1983.

La morte avvenne prematuramente il 4 gennaio 1985, due giorni prima la ricorrenza del 29° anniversario di matrimonio con Liliana Bussi, con la quale generò 12 figli.

Il 22 dicembre le celebrazioni del 100° anniversario della nascita di Osvaldo Piacentini si apriranno alle 15,30 con la celebrazione della santa messa officiata da don Giuseppe Dossetti.

Alle 17,00, in Sala del Tricolore (con l’evento in diretta streaming sul canale youtube del Comune capoluogo) a ricordarlo saranno Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia, presidente del Premio per la Pace Giuseppe Dossetti che rappresenterà mons. Giacomo Morandi, Vescovo della diocesi di Reggio Emilia e Guastalla, Giorgio Zanni, presidente della Provincia, Barbara Lori, assessora alla programmazione territoriale della Regione Emilia-Romagna, Marco Bussone, presidente dell’Unione nazionale Comuni, Comunità ed Enti montani, Francesco Massimo Moccia dell’Istituto nazionale di urbanistica, Francesco Evangelisti, consigliere dell’Archivio Osvaldo Piacentini, Filippo De Pieri del Politecnico di Torino, Alberto Melloni di Unimore, Pierluigi Castagnetti, e Giampiero Lupatelli, economista, vicepresidente di Caire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.