Gli studenti della San Vincenzo De’ Paoli in visita al museo dell’Opera di Santa Teresa

Nel mese di ottobre e novembre 2022 registrati circa 150 ingressi

Gli studenti della scuola San Vincenzo De’ Paoli hanno visitato la mattina del 2 dicembre, il Mudal, museo dedicato alla figura di don Angelo Lolli, inaugurato lo scorso ottobre nei locali dell’Opera di Santa Teresa.

Accompagnati da Don Solideo Poletti, i ragazzi della prima e terza media dell’istituto paritario ravennate hanno ascoltato il racconto della vita del Fondatore dell’Opera, illustrata dalla guida Stefania Ferri.

La metafora dell’aviatore, spesso citata da don Lolli, è la base su cui si sviluppa il percorso museale.

Si parte dalle opere che rappresentano il momento del decollo, poi quelle del volo e infine dell’atterraggio.

Donarsi a certe imprese – ripeteva il sacerdote ravennate – assomiglia un poalla sorte dellaviatore, che sospeso tra cielo e mare, con occhi e anima protesi in avanti, senza mai smarrirsi, è dominato da una sola volontà: quella di riuscire a qualunque costo. Così anche noi, nel cuore e nella mente. Avanti, sempre avanti!”. 

 

Il “Camminamento” del visitatore per accedere al museo

Prete del ‘900, conosciuto e stimato nella comunità di San Biagio, a Ravenna, da qui don Angelo Lolli muove i primi passi per perseguire la sua vocazione: aiutare i più poveri e chi aveva bisogno.

Fondatore dell’Opera di Santa Teresa del Bambino Gesù e grande visionario, come altri personaggi religiosi di rilievo, gettò le basi di quello che sarebbe stato in seguito il welfare statale, sistema assistenziale rivolto alla parte più debole della società (operasantateresa.it/don-angelo-lolli/).

Il museo, a lui dedicato, sorge simbolicamente al centro della corte interna dell’Opera, quasi a rappresentare una specie di “scrigno”, in cui è custodita la memoria del suo fondatore.

Il percorso inizia già dall’esterno grazie a una griglia in metallo, dove si trovano collocate le prime opere, che permettono un avvicinamento graduale del visitatore verso l’ingresso del museo vero e proprio.

La parte interna è concepita come un susseguirsi di più sezioni. Il primo ambiente, in cui ci si trova, è la cappella, dalla quale si accede alle due sezioni successive, sale espositive allestite con pannelli e teche, in cui infine il visitatore può soffermarsi a guardare un video proiettato che racconta le altre opere compiute da Don Lolli.

Nell’ultima sezione, invece, si assiste alla ricostruzione dell’alloggio privato del sacerdote, dove sono collocati gli arredi originari della sua abitazione e gli oggetti personali.

Concluso il giro, si ritorna all’esterno per ripercorre il “camminamento”, che chiude la mostra e accompagna il visitatore verso l’uscita.

Nel mese di ottobre e novembre 2022 si sono registrati circa 150 ingressi al museo (https://www.operasantateresa.it/mudal/).

 

Info e orari

Le visite guidate, gratuite, sono organizzate su prenotazione. Per prenotare chiamare al 353 4266516 o inviare una mail a mudal@operasantateresa.it.
I servizi della carità dell’Opera di Santa Teresa del Bambino Gesù: https://www.operasantateresa.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.