Un Mondiale d’amore

Una delle parole più usate, inflazionate, abusate etc etc. è sicuramente AMORE.

Chi di noi non ha mai avuto a che fare con questa parola così potente, anzi onnipotente se pensiamo a tutto quello rappresenta e a tutto quello che l’amore muove.

Letteratura, musica, teatro, cinema… le più grandi opere e i più grandi successi al boxoffice parlano di amore. E cosa c’entra tutto questo con una rubrica che parla di calcio?

L’amore è sbarcato anche in Qatar con la querelle che sta interessando tante nazionali impegnate a giocarsi il Mondiale arabo.

Mi riferisco al ONE LOVE che tante squadre avrebbero voluto sulla fascia del proprio capitano, di fianco al cuore arcobaleno a difesa dei diritti LGBT e contro ogni discriminazione, lì sul braccio sinistro, quello vicino al cuore.

Ma la FIFA ha impedito la speculazione arcobaleno, dando indicazioni ben precise: ad ogni fase del torneo ogni capitano indosserà una fascia a tema veicolando una serie di messaggi: “Football Uniting The World” (“Il calcio unisce il mondo”, prevista per la prima partita dei gironi) o “Save The Planet” (“Salva il pianeta”, prevista per la seconda partita). Vedremo come saranno le prossime…

Opinabile o meno, non sta a me dirlo. Sta di fatto che nel Mondiale forse meno amato dai tifosi di tutto il mondo, con noi italiani in prima fila, fa effetto vedere i giocatori provare a prendere posizione e schierarsi. Sarebbe bello vederli così, non solo sulla ribalta mondiale, ma anche in ogni campionato di club: che effetto farebbe se un giocatore interrompesse la partita per i cori razzisti rivolti a un calciatore avversario? Che effetto farebbe se i calciatori si rifiutassero di scendere in campo di fronte ai comportamenti di certi imbecilli che popolano i nostri stadi? Chissà magari un giorno ci arriveremo e non solo per provare a boicottare il ricco Qatar (senza riuscirci per altro).

Tornando all’amore, quello per il gioco, questo Mondiale ci sta riservando qualche sorpresa: cadono Argentina e Germania sotto i colpi di Arabia Saudita e Giappone.

Per Messi, al suo ultimo tango mondiale, si riaffaccia l’incubo coppa del mondo con quel macigno così pesante che è il sempre presente paragone con El Diez per antonomasia, Diego Maradona.

Invece lo spauracchio per i tedeschi ha avuto gli occhi a mandorla dei giapponesi che, come nei cartoon della mia infanzia, hanno ribaltato pronostici e risultato: forse davvero si allenano in campi chilometrici come nelle puntate di Holly e Benji vedendo come indemoniati attaccavano l’area tedesca.

Chi per ora non ha tradito è la bella Spagna di Luis Enrique e la Francia trascinata da un Giroud che, come il vino, più invecchia più diventa buono.

Non può non mancare la storia a lieto fine: vedere Eriksen giocare con la sua Danimarca dopo qualche mese da quel tremendo malore al campionato europeo che tenne tutti col fiato sospeso.

In attesa di Portogallo e Brasile se ne va il primo turno di Qatar 22.

A proposito di Portogallo e di amore, è di questi giorni la fine della storia tra Cristiano Ronaldo e il Manchester United, con tanto di rimozione dell’immagine del campione dall’Old Trafford.

Perché si sa, non sempre gli amori finiscono come vorremmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.