Atelier a Palazzo: inaugurazione il 12 novembre

Tra verde, giochi in legno e un labirinto gli Atelier di Reggio Children fanno il loro ingresso al Parco Sartoretti.

Sabato 12 novembre con l’inaugurazione del nuovo progetto degli Atelier a Palazzo, voluti da Reggio Children, Azienda Servizi Bassa Reggiana e Comune di Reggiolo e realizzati grazie all’importante impegno di Comer Industries, prosegue la proposta educativa fondata sul Reggio Emilia Approach® aperta alle scuole e alla comunità. 

L’appuntamento al Parco è fissato per le ore 10 e vedrà la partecipazione dei bambini delle scuole primarie di Reggiolo, dei protagonisti del progetto e delle autorità.

Dopo l’introduzione e i saluti dell’assessore alla Scuola del Comune di Reggiolo Livia Arioli, la parola passerà a Simone Armini, atelierista dell’Azienda Servizi Bassa Reggiana, che illustrerà “La sperimentazione dell’Atelier a Palazzo e nel Parco Sartoretti”.

Federica Merighi, direttrice artistica di Palazzo Sartoretti, presenterà l’erbario illustrato del Parco Sartoretti, una serie di immagini che permetterà anche ai più piccoli di esplorare il parco e di conoscere e riconoscere le piante e gli arbusti che lo abitano. 

Alle ore 10.30 è previsto il taglio del nastro con gli interventi del sindaco Roberto Angeli, del Presidente e Amministratore Delegato di Comer Industries Matteo Storchi, del presidente di Reggio Children Cristian Fabbi e la direttrice dell’Azienda Servizi Bassa Reggiana Silvia Ronchetti.

Subito dopo il gioco e la creatività saranno protagoniste con gli Atelier aperti ai bambini e alla cittadinanza negli spazi di Palazzo e Parco Sartoretti (prenotazione consigliata: info@reggioloattiva.it).

Le attività proposte dagli atelier a Palazzo sono cominciate lo scorso febbraio e ora si arricchiscono con nuove proposte educative. 

“Si tratta di un nuovo e importante appuntamento per Reggiolo – spiega l’assessore alla Scuola Livia Arioli –perché prosegue un percorso, avviato a febbraio, che ha dato grandi risultati.

Gli atelier a Palazzo Sartoretti sono divenuti rapidamente un riferimento per le scuole del territorio e per tante famiglie che arrivano anche dai comuni limitrofi.

Sono numerosi coloro che, vedendo le attività degli atelier, gli spazi che li accolgono e apprezzando la sensibilità e capacità degli atelieristi, iscrivono subito i loro bambini all’evento successivo.

Nell’arco di pochi mesi non sono neppure mancate le delegazioni di insegnanti stranieri, che hanno potuto sperimentare direttamente l’esperienza degli atelier. Non è certo un piccolo risultato e la soddisfazione è grande.

Per questo siamo certi che l’introduzione di attività nell’area verde aggiungerà valore non solo agli atelier, ma anche alla realtà di Palazzo Sartoretti, che continua a crescere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.