Un dipinto reggiano di Pama il Giovane nel libro di Alberto Cadoppi

Nel prestigioso Metropolitan Museum di New York è esposta La Crocifissione, una splendida pala d’altare eseguita da Jacopo Palma il Giovane all’inizio del sec. XVII per l’antica chiesa cittadina di San Rocco, sede dell’omonima Confraternita. L’oratorio venne sciaguratamente abbattuto nella seconda metà del secolo scorso per fare spazio all’isolato omonimo.

Da oltre un secolo del prezioso dipinto si erano perse le tracce; ne restano in città due copie: una nella chiesa di San Giovanni Evangelista – da tutti conosciuta come San Giovannino – e un’altra nella sagrestia del Tempio della Beata Vergine della Ghiara.

Inoltre, lo stesso Jacopo Palma il Giovane eseguì per la chiesa tedesca di Ausburg un dipinto avente lo stesso soggetto.

Si deve alla tenace ricerca condotta dal prof. Alberto Cadoppi, docente di diritto penale, attraverso un paziente lavoro investigativo di scavo negli archivi, la ricostruzione delle vicende del dipinto reggiano di Palma il Giovane, dalla commissione affidata all’artista veneto dai sagaci e culturalmente “attrezzati” confratelli di San Rocco fino all’approdo nel Museo d’oltreoceano.

Le risultanze dello studio sono confluite nel volume, di 155 pagine, “Il quadro ritrovato. La Crocifissione di Palma il Giovane del Met di New York un tempo in San Rocco a Reggio Emilia”, la cui pubblicazione è stata resa possibile grazie alla Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi – Sezione di Reggio Emilia e alla Società Reggiana di Studi Storici, sodalizi di cui il prof. Cadoppi è socio. Notevole l’apparato di note che riportano i documenti consultati; esaustiva risulta la bibliografia.

Il libro, contrassegnato da un ricco corredo iconografico di tavole a colori e in bianco e nero e stampato dalla Nuova Appennino, sarà presentato martedì 27 settembre 2022 alle ore 21 nella chiesa cittadina di San Giovannino in piazza San Giovanni, perché proprio in quell’antico e prezioso edificio sacro secentesco è appesa nella controfacciata una delle due copie “reggiane” della Crocifissione.

La serata sarà introdotta da Ferdinando Manenti, Priore della Confraternita della Immacolata Concezione e S. Francesco d’Assisi; Giuseppe Adriano Rossi, Presidente della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi – Sezione di Reggio Emilia; Angela Chiapponi, Presidente della Società Reggiana di Studi Storici. Quindi Francesco Lenzini dialogherà con l’autore Alberto Cadoppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.