“1920: cent’anni fa in Appennino”, nuovo libro di Paolo Capanni

Domenica 22 maggio, dalle 17, nella nuova struttura della Pro loco di Sologno, Paolo Lazzaro Capanni, giornalista e scrittore di Castelnovo Monti, presenterà il suo ultimo libro di storia locale, “1920: cent’anni fa in Appennino”, che raccoglie i fatti e gli avvenimenti accaduti in quell’anno nella montagna reggiana.

La pubblicazione, che fa seguito a quella dedicata al 1919, è composta da oltre duecentocinquanta pagine, raccoglie più di novecento notizie e trecento foto d’epoca.

L’evento sarà condotto da Marina Giorgini e prevede anche la partecipazione del professor Giuseppe Fontana, che illustrerà la figura e l’attività svolta in Appennino dal linguista svizzero Paul Scheurmeier, che proprio negli anni venti del secolo scorso visitò Sologno e realizzò una serie di foto che illustrano la vita di quei tempi in paese.

Il volume di Paolo Lazzaro Capanni, che si avvale dell’introduzione della scrittrice Normanna Albertini e dell’apporto di altre significative collaborazioni, riporta ampiamente, tra l’altro, le vicende del terribile terremoto che si abbattè nel 1920 tra Toscana, Emilia e Liguria e che provocò ingenti danni e alcuni morti anche sul territorio montano di Reggio.

L’autore svolge attività giornalistica dal 1981. E’ titolare di un’azienda che si occupa di comunicazione per conto di enti pubblici e privati, è stato per quasi vent’anni collaboratore de il Resto del Carlino ed è tra i fondatori di alcuni mezzi di comunicazione che operano sul territorio. Da sempre appassionato di storia locale, tra i vari scritti che ha curato si sottolinea il libro sulla famiglia Ceccati, artisti del legno e della pietra originari di Stiano, in comune di Toano, che furono attivi dalla fine del cinquecento alla metà del settecento.

All’incontro farà seguito un momento conviviale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.