Vroom Vroom!

Se servivano prove riguardo al livello di competizione agguerritissimo nel gruppo B della serie C, l’ultimo turno di campionato direi che abbia fugato ogni dubbio. Reggiana, Cesena e Modena hanno vinto tutte e sono ancora racchiuse nel fazzoletto di appena tre lunghezze al vertice della classifica. I numeri e i dati possono risultare freddi, ma in certi casi trasmettono il concetto molto meglio di qualsiasi spiegazione o giro di parole.

La Regia (35 punti) è ancora imbattuta dall’inizio del torneo – l’unica squadra ancora senza sconfitte (insieme al Südtirol) di tutto il calcio professionistico italiano dalla serie A alla C – e col successo di domenica scorsa ad Imola ha allungato a 15 il numero di risultati utili consecutivi, grazie a dieci vittorie, cinque pareggi, 26 reti segnate e 6 subite. Il Modena è lì in agguato a quota 33 punti e viene da un notevole filotto di sette hurrà di fila. Il Cesena è appena dietro, con 32 punti e un ruolino di marcia poco meno invidiabile.

Insomma, stiamo parlando di tre avversarie che, ormai prossime al giro di boa della stagione, riescono a tenere altissimi i giri del proprio motore, in una sorta di gran premio della via Emilia destinato a regalarci tante emozioni e colpi di scena, tra allunghi, staccate, sorpassi e controsorpassi.

E, presumibilmente, anche con qualche foratura o incidente meccanico da mettere in conto. Il successo della Reggiana di domenica scorsa simboleggia perfettamente il senso di questo virtuale GP pallonaro contro le rivali corregionali. Il giorno prima il Modena aveva infatti sbancato Ancona e aveva messo la freccia, superando temporaneamente di un punto in classifica i ragazzi di mister Diana.

I quali tuttavia 24 ore dopo hanno aperto il gas e ritrovato subito lo slancio verso la vetta: il fatto di aver giocato contro l’Imolese nello stadio incastonato all’interno dell’autodromo intitolato a Enzo e Dino Ferrari, circuito storico della Formula 1, deve aver ispirato il controsorpasso granata…

Vroom vroom… fate largo allora ai bolidi pallonari dell’Emilia-Romagna, ma attenzione: come recitava il famoso spot degli pneumatici con testimonial Ronaldo (il Fenomeno, non CR7), la potenza è nulla senza controllo, per cui sarà bene fare attenzione all’accesso di sportellate in pista, pardòn, in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *