Se fossi in te

Adele ha sedici anni e un bel caratterino: ribelle e irrequieta, odia lo studio e le regole e passa il tempo in giro con gli amici, o con uno dei suoi tre o quattro fidanzati. L’esatto opposto della sua gemella Arianna, studentessa modello e amante della tranquillità, scontrosa e totalmente asociale.

Le due ragazze vivono per lo più ignorandosi, quando non litigano fino a picchiarsi. Eppure – pensa un giorno la madre Chiara – da bambine erano sempre pronte a fare scherzi a tutti giocando con la loro somiglianza…

E così, con un diabolico ricatto a base di cellulari sequestrati ed altre micidiali privazioni, Chiara propone alle figlie un vero e proprio scambio di identità, per una settimana. Solo trovandosi nei panni l’una dell’altra, le due sorelle potranno capirsi davvero. E sanno bene che, quando la mamma si mette in testa una cosa, non c’è modo di farle cambiare idea. Le due ragazze accettano: dopotutto, è solo per sette giorni. E chissà che la mamma, finita questa settimana, non inizi a pensare ai problemi veri. Perché in casa un problema c’è…

Susanna Bo, Se fossi in te, Edizioni San Paolo 2021, 288 pagine, 18 euro.

Susanna Bo è nata a Genova nel 1977. Si è laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Università di Genova e vive a Sestri Levante. È sposata con Gianni ed è mamma di Anna, Rachele, Pietro, Francesco, Lorenzo e Monica. Di mestiere fa la casalinga ma, a quanto dicono i suoi familiari, pare che non eserciti la professione. Scrive per diletto e per avere una buona scusa per stare seduta. Con Edizioni San Paolo ha pubblicato La buona battaglia.

Le grandi acque non possono spegnere l’amore (2016); Finché c’è qualcuno da amare (2017); Vengo con te (2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *