Liber Figurarum, esposizione straordinaria

Il Liber figurarum di Gioacchino da Fiore del XIII secolo. A Reggio Emilia si conserva una delle tre copie al mondo di questo importante codice di teologia medioevale

Il Liber figurarum, un rarissimo codice miniato medievale, sarà protagonista assoluto al Museo Diocesano di Reggio Emilia venerdì 22 ottobre dalle ore 9.30 alle ore 19, in via Vittorio Veneto 6. L’esposizione straordinaria al pubblico è promossa dall’Ufficio Beni Culturali della Diocesi e dall’Associazione Città di Reggio. L’ingresso e le visite guidate sono gratuiti. Sua Eccellenza il Vescovo Massimo sarà presente e disponibile ad alcune domande sull’Abate Gioacchino da Fiore.

C’è chi crede che la storia umana sia percorsa da simmetrie ricorrenti, personalità e circostanze che si ripresentano nei secoli; il Liber figurarum ha la pretesa coraggiosa (e oltraggiosa) di fissarle sulla carta, varcando con l’inchiostro e un pensiero tanto originale quanto profondo la precarietà e i dolori di un’epoca per noi lontana, nel tentativo di intravedere l’eterno e il rinnovamento finale dell’umanità.

Dante lo tenne presente nello scrivere la Divina Commedia e cita nel Paradiso il suo autore come “il calavrese abate Gioacchino / di spirito profetico dotato”; Michelangelo si rifece alle stesse geometrie nell’affrescare la Cappella Sistina e Cristoforo Colombo lo ricorda nei suoi diari. Innumerevoli altri artisti, scultori e pensatori ne furono e sono tuttora influenzati.

Il Liber figurarum è la summa illustrata del pensiero di Gioacchino da Fiore, un teologo del dodicesimo secolo di enorme importanza nel pensiero occidentale. Convinto che la storia umana si potesse dividere in tre “regni” corrispondenti alle tre Persone della Trinità, tramite immagini enigmatiche e complesse tentò di intravedere i contorni della terza era, da lui ritenuta imminente, che avrebbe purificato l’umanità e portato termine a ogni dolore. La sua tensione profetica è ricca di sete di rinnovamento ed esercita un fascino immutato attraverso i secoli.

Questo codice, una delle tre copie esistenti al mondo (le altre sono a Oxford e Dresda), è una delle più belle e importanti raccolte della teologia medievale. Le immagini (figurae) furono disegnate da Gioacchino in tempi diversi e poi radunate nel Liber a cui diedero il nome.

In occasione di questa esposizione sarà possibile conoscere anche tutte le altre attività e proposte dell’Associazione Città di Reggio.

Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito www.cittadireggio.it o presso la sede dell’Associazione in Piazza Prampolini 5 a Reggio Emilia (di fianco alla Cattedrale).

Gioia Colli

Addetta stampa Associazione Città di Reggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *