Scoprire l’Appennino reggiano attraverso l’arte contemporanea

Pietro Iori, Raccolti, 2015-21, stampa fine art su DB e legno, installazione, cm 120x530

Si terrà dal 17 luglio al 15 agosto 2021, nei Comuni di Ventasso, Castelnovo ne’ Monti e Baiso, la prima edizione di “AltreterRE”, rassegna promossa da KAMart in residence APS.

Curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei, la manifestazione – che si propone di valorizzare luoghi meno noti della montagna reggiana, sostenendo gli artisti e portando l’arte contemporanea fuori dai circuiti tradizionali – è stata presentata questa mattina in Provincia dalla stessa Baboni e dalla presidente di KAMart, Angela Viola, alla presenza del sindaco di Ventasso Antonio Manari e del vicesindaco di Baiso con delega alla Cultura Fabio Spezzani. A fare gli onori di casa, la vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Ilenia Malavasi, “contenta di tenere a battesimo questa bellissima iniziativa che vuole valorizzare e far riscoprire il nostro Appennino attraverso l’arte contemporanea, una contaminazione positiva che ci farà conoscere giovani artisti e luoghi inediti del nostro territorio”.

Monika Grycko, Un selvaggio mondo tranquillo, 2021, fotografia digitale su carta, cm 70×85

Il progetto si rivolge ad un turismo sostenibile e di prossimità, amante della natura e del vivere slow, ma anche agli abitanti dei comuni coinvolti, invitati dalle opere e dalle installazioni site-specific a vedere il paesaggio con occhi nuovi e a recuperare la memoria storica dei luoghi che appartengono alla loro quotidianità.

Sei gli artisti coinvolti – Pietro Iori, Penelope Chiara Cocchi, Alessandra Calò, Angela Viola, Francesca Catellani, Monika Grycko – ospitati rispettivamente presso il Museo del Sughero di Cervarezza, l’Osservatorio astronomico di Cervarezza e il Borgo di Cereggio nel Comune di Ventasso, la Corte Campanini e il Rifugio della Pietra nel Comune di Castelnovo ne’ Monti ed il Museo diffuso Vasco Montecchi nel Comune di Baiso. Il progetto di Alessandra Calò è stato realizzato nel corso della “Residenza d’artista KAMart residence #3”, tenutasi in giugno presso la sede dell’associazione KAMart in residence a Cereggio (RE).

Presso il Fortino della Sparavalle, nel Comune di Ventasso, è prevista inoltre una performance di Stefania Pedretti ?Alos, a cura di Nila Shabnam Bonetti.

Come evento collaterale ad “AltreterRE”, si terrà la seconda edizione di “Messaggio ai posteri. Arte come attivismo”, a cura di Nila Shabnam Bonetti. Lungo il sentiero del Faro, che conduce alla “Big Bench” di Ligonchio, sarà installata una nuova opera d’arte di Signora K e James Kalinda, accanto a quelle realizzate nel 2020 da Ermanio Beretti, Debora Costi, Roberto Giorgini, Simona Sentieri, Corrado Tamburini e Angela Viola, che per l’occasione saranno restaurate e integrate con nuovi interventi da parte degli artisti.

Ventasso. Ph. Debora Costi, AltreterRE

In occasione delle giornate inaugurali, il 17 e il 18 luglio 2021, i curatori di “AltreterRE” e di “Messaggio ai posteri. Arte come attivismo” presenteranno le opere e gli artisti.

Il programma completo delle giornate inaugurali e dell’intera manifestazione è disponibile sul sito web https://kamartinresidence.com/altreterre.

Tutte le attività saranno condotte nel rispetto della normativa vigente per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, sia nei locali chiusi che negli spazi all’aria aperta.

Gli appuntamenti saranno a numero chiuso; per i workshop e gli eventi collaterali sarà necessaria la prenotazione e verrà richiesto un piccolo contributo di partecipazione a sostegno di KAMart in residence APS. Per informazioni e iscrizioni: altreterre.appennino@gmail.com, www.facebook.com/AltreterreAppennino, www.instagram.com/altreterre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.