Salute anche per l’Africa

Appuntamento doppio presso la parrocchia di San Luigi Gonzaga, domenica 13 giugno: il Gruppo Medici con l’Africa Cuamm Modena Reggio Emilia ha tenuto la sua assemblea annuale in cui ha presentato le attività e il bilancio dell’anno e raccontato gli ultimi aggiornamenti dalla Tanzania, Paese sostenuto. A seguire, il direttore del Cuamm don Dante Carraro ha presentato il suo libro “Quello che possiamo imparare in Africa. La salute come bene comune”, scritto a quattro mani con l’autore Paolo Di Paolo ed edito da Laterza.

Davanti a un’emergenza globale, l’unica risposta possibile deve essere globale. L’Africa non può restare esclusa. Vaccinare medici, infermieri e la popolazione africana è un atto di solidarietà e insieme di sicurezza per tutti, anche per noi: solo così riusciremo a interrompere la diffusione del virus e delle sue varianti. Serve un piano vaccinale anti Covid in Africa. Servono più dosi. E queste dosi, poi, devono diventare “vaccinazione vera”. Per questo Medici con l’Africa Cuamm ha lanciato la campagna “Un vaccino per «noi»”, perché il vaccino arrivi nei posti più isolati dell’Africa e l’Africa, ancora una volta, non resti indietro.

Questa pandemia ci ha dimostrato come siamo tutti interconnessi e come quello che succede a chilometri di distanza abbia ripercussioni sulla nostra vita quotidiana. La salute è davvero globale e oggi più che mai deve essere considerata un diritto per tutti e non un privilegio per pochi, un vero e proprio bene comune. Ed è proprio questo concetto e molto altro che don Dante Carraro ha imparato in Africa e ha raccontato nel suo libro, di cui ha condiviso parole, pensieri ed esperienze insieme ai volontari Cuamm del gruppo di Modena e Reggio e ai tanti presenti.

Medici con l’Africa CUAMM

Modena Reggio Emilia
Fondato nel 2004, il gruppo Medici con l’Africa Cuamm Modena e Reggio Emilia elabora, sostiene e partecipa attivamente alla realizzazione di progetti di cooperazione sanitaria in Africa in collaborazione con la sede di Padova. Accanto ad un intervento diretto sul campo in Africa, l’associazione si propone di informare la popolazione del territorio di Modena e Reggio riaffermando il diritto umano fondamentale alla salute per tutti, con particolare riferimento ai gruppi più poveri e marginali, diffondendo nelle istituzioni e nell’opinione pubblica i valori della solidarietà e della cooperazione tra i popoli, della giustizia e della pace. In particolare, dalla sua nascita Medici con l’Africa Cuamm Modena Reggio Emilia ha sostenuto diversi progetti sanitari del Cuamm in Tanzania.

Medici con l’Africa CUAMM
Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con oltre 4.700 operatori sia europei che africani; appoggia 23 ospedali, 123 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, tubercolosi, malaria e formazione), 3 scuole per infermieri (in Sud Sudan, Uganda ed Etiopia) e una università in Mozambico.

Maria Periti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.