150 studenti a lezione di impresa

Si è conclusa con la presentazione dei progetti ad una giuria di docenti e di rappresentanti del mondo dell’industria la sfida fra 7 classi quarte dell’Istituto Scaruffi Levi Tricolore, lanciata dall’Area Education di Unindustria Reggio Emilia, che ha coinvolto circa 150 studenti, per diffondere la cultura d’impresa e l’imprenditorialità come prospettiva di futuro professionale. 

L’iniziativa si è svolta nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, meglio nota come alternanza scuola-lavoro.

La Dirigente Scolastica Domenica Tassoni, ha così commentato: In un anno così difficile per la scuola il nostro istituto è riuscito a garantire agli studenti un’esperienza formativa di indubbio valore. Ogni studente si è calato nel ruolo dell’imprenditore, percependo quindi l’azienda dalla parte di chi deve avviarla e gestirla nel tempo. I nostri studenti hanno lavorato in gruppo per la stesura di un Business Plan.

Ogni Consiglio di classe ha poi individuato il progetto, l’idea che rispondesse meglio alle caratteristiche di originalità, fattibilità e legame con il territorio per partecipare ad una gara conclusiva in cui si è individuato il progetto vincitore.

Due progetti si sono classificati primi ex-equo, la scelta non è stata facile perché tutti i gruppi hanno lavorato in modo efficace e con tanto entusiasmo. Ringraziamo Unindustria che ha messo a disposizione l’esperienza nell’ambito dell’educazione imprenditoriale guidando i nostri studenti nella stesura di un’idea d’impresa e permettendo loro di conoscere un’eccellenza del nostro territorio come l’Open Accelerator”.

“E’ molto importante – continua Claudio Galli, Vicepresidente Unindustria Reggio Emilia con delega all’Education – che i ragazzi possano vivere l’impresa in modo attivo e propositivo, che siano loro in prima persona a doversi immaginare imprenditori, imparare a mettere in gioco le loro attitudini e a sviluppare proficue collaborazioni con chi apporta diverse competenze, idee, punti di vista.

Oggi più che mai è il lavoro di squadra il fautore del successo delle imprese. I ragazzi hanno potuto inoltre conoscere l’Open Accelerator, che all’interno del più ampio progetto del distretto digitale nasce per favorire i progetti di Open Innovation fra le start up e le imprese consolidate per sostenerne i processi d’innovazione”.

Da settembre le classi partecipanti saranno ospiti di RoboLab, ambiente di apprendimento innovativo, nel quale gli studenti potranno usare robot educativi per approfondire materie curriculari (STEM) oltre che sviluppare competenze digitali e trasversali e per accogliere nuove e stimolanti sfide. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.