“Stefano e il non tempo”

Dentro il mondo dell’autismo. Venerdì 2 aprile, in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo 2021, Casa Gioia organizza una diretta Facebook per la presentazione del libro “Stefano e il non tempo” di Rosa Ruggiero edito da MREditori. 

La diretta, coordinata dal giornalista Antimo Pappadia, direttore del quindicinale “L’intelligente” e saggista impegnato nel sociale, è fissata per le ore 18.30 e vedrà la partecipazione dell’autrice Rosa Ruggiero, presidente dell’associazione Cobalto Autismo Autonomia Adulti ODV che si occupa di percorsi degli autistici adulti sul territorio e mamma di Stefano, 23enne affetto dalla sindrome di Dravet e da una forma di epilessia associata a disturbi nello sviluppo neurologico, di Stefania Azzali, fondatrice e presidente di Casa Gioia, centro socio-educativo per disabilità cognitiva e autismo, e Raffaele Di Lorenzo, dottore in sociologia e psicologia impegnato sul percorso individuale di Stefano a Casa Gioia.

L’appuntamento rappresenta un momento di riflessione sul tema dell’inclusione. Nel suo libro Rosa Ruggiero è riuscita a trasformare in parole, in un racconto umano e sensibile, il percorso di una vita pieno di ostacoli grazie allo stimolo dell’artista e scrittrice Nadia Farina, figura di riferimento per l’autrice e convinta sostenitrice del potere terapeutico ed emancipatorio della scrittura.

“Il libro di Rosa – scrive Nadia Farina – è un inno alla speranza e positività di una vita che, seppur ‘tradita’ dalla malattia del figlio, riesce ad essere riscritta con amore e coraggio; è un invito ad avere uno sguardo diverso nei confronti di una condizione forse ancora troppo poco conosciuta”.

Il confronto on line non affronterà il tema dell’autismo in maniera retorica, ma ripercorrerà difficoltà vissute dai familiari e dal soggetto autistico. 

“Sarà un modo – spiega Rosa Ruggiero – per comprendere come è possibile colmare quelle difficoltà, un vero e proprio viaggio nella conoscenza di ciò che è diverso da noi, ma non per questo incomprensibile o inafferrabile.

Il libro, reso possibile anche grazie all’impegno di MR Editori e Giovanna Ragusa, descrive soprattutto la parte emotiva della vita di Stefano, alla necessità di costruire un futuro.

Dare competenze a questi ragazzi attraverso centri di alta formazione potrebbe ridurre molto i costi dell’assistenza, che oggi caratterizza il mondo della disabilità”.

A Casa Gioia, struttura specializzata in percorsi terapeutici continuativi e inclusivi, oggi Stefano sta lavorando per il suo futuro e ha intrapreso un percorso di inserimento occupazionale in ben due aziende del territorio.

Un’analista del comportamento lo accompagna nel suo viaggio per acquisire indipendenza all’interno delle aziende. Per Stefano e per chi vive l’autismo è un’importante conquista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.