In Etiopia i giovani per dare speranza

Dopo un lungo periodo di studi, prove di fattibilità e accorgimenti, sono state sostituite le batterie dell’impianto fotovoltaico installato presso il centro delle sisters del De Foucauld a Shashemene, Etiopia.

A realizzare il lavoro, però, non sono stati i nostri tecnici, o meglio, non solo loro, ma due ragazzi etiopi cresciuti in questi anni con noi e presso la missione locale. Si tratta dei giovani Rico ed Abu che, guidati da remoto attraverso il telefono e internet da Andrea e Fabrizio, hanno realizzato l’intervento.

 

Un risultato importante, perché ancora una volta i giovani locali si sono responsabilizzati ed hanno dimostrato di avere la voglia e le capacità di lavorare e di crescere. Aspetti non scontati in un Paese in cui la mentalità non sempre lo permette. Nonostante l’Etiopia abbia passato un anno difficile e stia ancora attraversando un periodo non facile, ci sono grandi segni di speranza.

Alberto Campari
presidente Gruppo Amici Ospedali Missionari (GAOM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *