Sfoghi di Capodanno

Spero che mi perdonerete uno sfogo unilaterale e polemico. Mi comprenderanno almeno coloro che come me sono oppressi dai telegiornali, che ogni giorno ci ripetono ossessivamente il numero dei morti e di quelli che stanno per morire e di quelli che non moriranno, ma non si sa mai, e insinuano l’atroce sospetto che in uno di questi gruppi ci siamo certo anche noi.
L’anno 2021 deve essere, sarà l’anno della ripartenza, d’accordo; dunque prepariamoci, organizziamoci, pianifichiamo. Non possiamo però far finta che non sia successo niente, che non sia necessario, prima, un piccolo consuntivo.
Il pericolo infatti è che quello che è successo sia avvenuto anche perché c’era un vuoto di fondo e che si voglia ripartire senza prenderne coscienza e senza cercare, per quanto si può, di colmarlo.

Leggi tutto l’articolo di Zeno Davoli su La Libertà del 13 gennaio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.