Da bambina, attendendo Gesù

Il mio ricordo di Gesù Bambino, l’attesa durante la mia infanzia: mi rivedo in quella grande famiglia con la guida del patriarca, nonno Giovanni. Ci teneva uniti con il pane quotidiano e la preghiera dell’Angelus: mattino, mezzogiorno e sera. Dopo la cena santo Rosario per tutti e che nessuno mancasse. L’attesa di Gesù Bambino mi rendeva piena di gioia, in casa regnavano i preparativi. Primo evento la novena: ci si alzava all’alba per andare in chiesa col freddo, la neve alta, ai piedi calze di lana di pecora fatte dalle nostre mamme e zoccoli di legno. Il papà ci precedeva con la pala per aprirci la strada e perché non ci bagnassimo troppo i piedi. La nonna e la mamma confezionavano cibi pregiati per la ricorrenza, la tavola veniva imbandita a festa, non solo per noi ma anche il passaggio della Sacra Famiglia, perché anche loro potessero rifocillarsi.

Leggi tutto l’articolo di Livia Menozzi Villa su La Libertà del 23 dicembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.