Pronti ad accogliere

Come tutti i Vangeli, anche quello di questa domenica offre innumerevoli spunti di riflessione.
La figura stessa di Maria porta con sé un’infinità di meditazioni possibili: molto è stato detto sulla sua umiltà, sulla sua grandezza nella piccolezza e semplicità, sulla sua fede e sulla sua forza di madre in un caleidoscopio di prospettive da costituirne una letteratura intera.
Ma ciò che maggiormente mi ha colpito di lei leggendo questo brano evangelico è la sua prontezza, la sua sollecitudine umana e spirituale nel rispondere all’annuncio di Dio.
Una prontezza che a volte, nel disbrigo delle futili ma ingombranti faccende quotidiane, ci si dimentica di scegliere per rispondere alle chiamate di senso.

Leggi tutto l’articolo di  Agnese Menozzi su La Libertà del 16 dicembre 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.