Lunedì 23 novembre 2020. Di sovrumani silenzi e interminati spazi

Ancora il commento di Davide Rondoni, sull’Infinito di Giacomo Leopardi, ci parla del silenzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.