Scenari sul futuro dell’universo

“Segui chi cerca la verità, non chi la possiede”, ha scritto il filosofo, matematico e saggista inglese Bertrand Russell, insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1950. Viviamo in un universo di tipo “aperto” o “chiuso”? In altre parole l’espansione cosmica continuerà indefinitamente, oppure l’universo, quando avrà raggiunto un valor massimo di crescita, invertirà il proprio senso di marcia e inizierà a contrarsi su se stesso, sino a ritornare al suo punto d’origine? In tal caso l’evento finale, antitetico al Big Bang iniziale, viene detto “Big Crunch”, che alla lettera significa “Grande collasso”.

Leggi tutto l’articolo di Enrico Rota su La Libertà del 4 novembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *