Aborto farmacologico dilagante e donne sempre più sole

Pillola Ru486 in day hospital: sacerdoti e laici uniscono la loro voce a quella del vescovo Massimo

Dopo che l’11 agosto scorso è stato diffuso il comunicato del vescovo Massimo sul tema dell’aborto, la redazione diocesana ha ricevuto numerosi contributi che condividono le preoccupazioni espresse dal pastore e prendono le distanze da chi, criticando sui media locali il comunicato di monsignor Camisasca, ha sostanzialmente (e anti-democraticamente) chiesto che la Chiesa resti in silenzio. Pubblichiamo in queste pagine alcune delle reazioni più significative che abbiamo ricevuto, ringraziando tutti i lettori che hanno manifestato attenzione per il tema e solidarietà al Vescovo.

Abbiamo seguito senza sorpresa, ma con amarezza, le polemiche precostituite, fino all’aggressione verbale, che hanno accompagnato la presa di posizione del nostro Vescovo sull’estensione dell’uso della Ru486.
Come giuristi cattolici noi sentiamo ogni giorno il peso dei drammi umani che stanno alle spalle delle questioni giuridiche che ci vengono presentate; così abbiamo continuamente bisogno di un arricchimento di umanità e di spiritualità, che ci faccia capire il perché e la portata di una legge e ci faccia capaci di andare al di là delle forme, in vista di una più vera giustizia dei nostri quotidiani rapporti. Per questo ci giungono particolarmente graditi gli interventi, come quello del Vescovo, che escono dall’andazzo precostituito dell’ideologia prevalente e dalla superficialità degli slogan in vista di un cammino spassionato nella nostra realtà profonda, sempre più complessa e sempre più ignorata.

Continua a leggere questa testimonianza e tante altre su La Libertà del 26 agosto 2020

Una risposta su “Aborto farmacologico dilagante e donne sempre più sole”

Da uomo sposato da oltre 33 anni con una donna che amo e che mi ama e padre di 2 figli, un maschio ed una femmina, credo di avere ormai una certa esperienza e di conoscere abbastanza a fondo la psicologia femminile.
E’ ormai sotto gli occhi di tutti che la liberazione della donna da una presunta o vera oppressione maschile ha prodotto una libertà che le donne di oggi non sanno ancora gestire, e il risultato è una competizione continua in casa e in società che non fa bene a nessuno dei due sessi. È una competizione difficile da gestire per una coppia tradizionale affiatata e cementata da 2 figli grandi in comune, ma è assolutamente impossibile da gestire per una coppia moderna.
Il più grande errore del femminismo è quello di avere cancellato i due ruoli primari del maschio, quello di Protector e di Provider.
“Non ci serve più un Uomo, noi donne siamo ora indipendenti”.
Un errore che si è rilevato, dopo che il maschio ne ha preso consapevolezza, un boomerang che ha colpito in piena faccia tutto il genere femminile.
Perché?
Perché gli uomini adesso se ne vanno per la loro strada e lasciano la donna da sola a gestire i loro problemi.
Gli Uomini non vogliono piu saperne di relazioni di lungo termine, di fidanzamenti, di matrimoni e di figli, anche per via di leggi di separazione e affidamento dei figli tutte vergognosamente a favore delle Donne.
Cosa sta accadendo? Niente più amore e romanticismo, solo sesso occasionale costruito dalla liberazione sessuale femminista.
Il problema è che le donne, a cui la vita costa mediamente un 80% in più dell’uomo (scarpe, borse, vestiti, parrucchiere, trucchi, gioielli, Dating che gli uomini non sono più disposti ad offrire pranzi e cene, maternità assistita, monogenitorialita’, etc..etc) saranno costrette, per sopravvivere, a lavorare duramente per tutta la vita senza l’aiuto di un uomo al loro fianco che farà da Provider e Protector.
Vedremo presto un esercito di donne sole, single, indebitate e con la maternità negata.
Un disastro psichico per le future generazioni che cresceranno fuori dal nucleo familiare tradizionale della bigenitorialità.
Perché le donne moderne non sanno gestire la libertà conquistata?

Guardatevi intorno.
Ogni ragazza si comporta come un ragazzo e deve avere più amici maschi del suo vero fidanzato. Tinder è il nuovo faro per la ricerca di sesso.
Le relazioni non sono più partnership. Sono solo dissolutezza reciproca basata su sesso insignificante e giochi mentali volubili. E nella maggior parte delle relazioni, vedo le donne essere prepotenti e umiliare costantemente i loro ragazzi.
Non è raro oggi che una ragazza moderna abbia oltre 50 rapporti con altrettanti diversi partners occasionali prima dei suoi 30-35 anni, periodo in cui decide di dedicarsi a trovare un partner stabile per mettere su famiglia e potere soddisfare il proprio desiderio di maternità, prima che sia troppo tardi e arrivi la menopausa.
Ancora oggi, anche se sempre più di rado, capita di conoscere ragazzi allevati in una di quelle famiglie cristiane tradizionalmente sane, orientate alla famiglia, in cui la riverenza per le donne è radicata in loro fin dalla giovane età. I loro padri e i loro parenti maschi sono i loro modelli perché sanno esattamente cosa significa essere un protettore e un fornitore. Di conseguenza, le donne nelle loro vite (come le loro madri e le loro nonne) amano e rispettano i loro uomini per questo. È qui che ho capito che siamo in un punto di svolta nella storia in cui gli uomini non hanno più rispetto e fiducia per le donne come nelle generazioni precedenti.
Un vero problema per il femminismo.
Il femminismo ha lasciato le donne completamente sole.
Il femminismo voleva liberare la donna e ha invece liberato l’Uomo deresponsabilizzando.

Ecco perché molte donne oggi si lamentano del fatto che gli uomini non vogliono prendersi responsabilità, lo avete voluto Voi, è colpa del femminismo. La distruzione della Famiglia Nucleare. Ricordate le parole di Linda Gordon?

“La famiglia nucleare dev’essere distrutta… qualunque sia il significato finale, lo sfascio delle famiglie è adesso un processo obiettivamente rivoluzionario” — Linda Gordon

Ricordate le parole di Robin Morgan?

“Non possiamo distruggere le iniquità fra gli uomini e le donne finchè non distruggeremo il matrimonio” — Robin Morgan (Sisterhood Is Powerful, (ed), 1970, p. 537).

Ciò che è esilarante è che le Donne americane, dove il femminismo è più radicale che mai, negli ultimi 10 anni sognano sempre più il matrimonio, dal 26% al 37%, invece gli uomini passano da un 36% ad un 24%. La felicità femminile è precipitata, quella maschile è aumentata a dismisura.

Questi sono i primi segnali di una tragedia annunciata. Pandora si è messa in testa di fare l’Uomo, e questo non è possibile, è contro natura!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.