Papa Francesco: «Vicino agli ammalati, grazie a medici, infermieri e volontari»

Al termine della prima udienza generale in sette anni di pontificato trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca del Palazzo apostolico vaticano – e non in piazza San Pietro o in Aula Paolo VI, per evitare assembramenti e scongiurare i rischi di diffusione del Covid-19, in coordinamento con i provvedimenti varati dalle autorità italiane – il Papa si è rivolto a tutti coloro che soffrono a causa dell’attuale emergenza sanitaria.

“Vorrei rivolgermi a tutti gli ammalati col virus, che soffrono la malattia e a tanti che soffrono incertezze sulle proprie malattie”, ha esordito Francesco a braccio salutando i fedeli di lingua italiana, come avviene di consueto alla fine dell’appuntamento del mercoledì: “Ringrazio di cuore il personale ausiliario, i medici, gli infermieri, i volontari che in questo momento difficile sono accanto alle persone che soffrono. Ringrazio tutti cristiani, tutti gli uomini e le donne di buona volontà che pregano per questo momento. Tutti uniti, qualsiasi sia la tradizione religiosa a cui appartengono. Grazie di cuore per questo sforzo”.

Leggi tutto l’articolo di Maria Michela Nicolais su La Libertà del 18 marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.