Monteverdi in Ghiara

Sabato 7 dicembre alle 21 nel settimo anniversario di ordinazione episcopale di Camisasca

Da La Libertà del 4 dicembre

Auguro a ciascuno dei presenti che l’ascolto si trasformi in un’occasione per meditare, pregare e godere di questo meraviglioso testo messo in Musica, immaginando il suono che potrebbe avere l’Eternità, un giorno, per tutti noi” (Renato Negri, direttore artistico di Soli Deo Gloria e docente di Organo all’Istituto “Achille Peri – Claudio Merulo”).

La dedica che il compositore propone a favore di papa Paolo V indirizza spontaneamente il nostro pensiero alla tanto venerata icona mariana collocata nella Cappella Paolina della Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.
Collocandoci idealmente in quel luogo significativo, solcato nei secoli da un popolo numeroso che davanti all’immagine di Maria Santissima ha trovato conforto e speranza, desideriamo, come Chiesa di Reggio Emilia – Guastalla, far scaturire alcune brevi parole di gratitudine per questo VII anniversario di Ordinazione episcopale del vescovo Massimo.

Immaginiamo quanto sia stato significativo abitare nei pressi della basilica papale di Santa Maria Maggiore, proprio nei primi anni in cui nasceva la Fraternità Sacerdotale dei missionari di San Carlo Borromeo; allo stesso modo amiamo ricordare, nel tempio mariano dove ora ci troviamo, la prima tappa dell’ingresso in diocesi del nostro vescovo, il 16 dicembre 2012, pochi giorni dopo l’Ordinazione episcopale ricevuta il 7 dicembre del medesimo anno.

Più volte abbiamo avuto modo di comprendere che l’affidarsi a Maria Santissima – oltre che a san Giuseppe, suo castissimo sposo – ha rappresentato per il nostro Pastore un continuo gesto di intercessione, nel quale tutti noi ci sentiamo partecipi e custoditi.
Rivolgendoci nella preghiera a Dio, in uno dei Prefazi Mariani diciamo, riferendoci a Maria: “… è soprattutto dolce e doveroso magnificare il Tuo amore per noi con il suo stesso cantico di lode”.

Ascoltando le note di questa monumentale composizione del compositore cremonese Claudio Monteverdi, e lasciandoci condurre dalle medesime note fino al Magnificat finale, che chiude l’intera composizione, la nostra gratitudine possa farsi canto di lode.

In questo VII anniversario di Ordinazione episcopale, caratterizzato anche dall’evento di grazia del Giubileo della Beata Vergine della Ghiara, affidiamo alla materna protezione di Maria il ministero del nostro Vescovo, i gesti e le parole che donerà alla nostra Chiesa e tutti gli incontri nei quali sarà chiamato a testimoniare il Signore presente in mezzo a noi.

Matteo Bondavalli
direttore Ufficio Liturgico diocesano
e incaricato per la Musica sacra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.