Marco Pederzini nominato Presidente del Gruppo Terziario di Unindustria Reggio Emilia

Rinnovato anche il Consiglio Direttivo che rimarrà in carica quattro anni.

Il Gruppo Terziario di Unindustria Reggio Emilia – che rappresenta 200 aziende per oltre 16.000 dipendenti e un fatturato complessivo di oltre 2 miliardi di euro – ha eletto nei giorni scorsi il nuovo Presidente, che succede a Luigi Orlandini, CEO di Canossa Events, che l’ha guidato per quattro anni.
Si tratta di Marco Pederzini, socio e amministratore di Kalimera di Reggio Emilia, consulente di direzione, che succede a Luigi Orlandini, CEO di Canossa Events, che ha guidato il Gruppo per quattro anni.

Il nuovo Presidente è stato co-founder e Angel Investor di Kpi6.com (startup vincitrice della prima edizione di Upidea), in passato vanta una carriera come dirigente di EMAK Group. Nella precedente esperienza associativa ha contribuito, come consigliere, a fondare e lanciare il Club Digitale.
Al termine dell’assemblea, il neo-presidente ha detto: “Credo che il Libro Bianco voluto dal Presidente Fabio Storchi sia un approccio partecipativo molto concreto per il progetto di rinnovamento della strategia associativa di Unindustria. Ho accolto l’invito a candidarmi alla Presidenza del Gruppo Terziario perché voglio dare anch’io un contributo al “Fare Insieme”. Il profilo personale e professionale dei consiglieri eletti mi rende ottimista sul cammino comune che abbiamo intrapreso”.

Rinnovato anche il Consiglio Direttivo 2019-2021, che risulta così composto: Luigi Artioli (Albini Pitigliani), Paolo Bacchiavini (GB), Lara Bellamico (Rama Motori), Massimo Bolzoni (Answer), Francesco Curcio (Q&O), Giusi Di Lanno (Randstad), Guido Franzini (Villa Verde), Rita Garlassi (AGSZ), Vittorio Guarini (Midnight Call), Alberto Iori (PPI & Partners), Fausto Piccinini (Gear.it), Marco Ronzoni (Wide Group) e Alessandro Vassallo (Vrd).

Marco Pederzini, attuale Presidente (a sinistra) e Luigi Orlandini suo predecessore 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.