Noi e i migranti: ascolto e meditazione in musica

Aerial view of Honduran migrants heading in a caravan to the US, as the leave Arriaga on their way to San Pedro Tapanatepec, in southern Mexico on October 27, 2018. - Mexico on Friday announced it will offer Central American migrants medical care, education for their children and access to temporary jobs as long as they stay in two southern states. (Photo by Guillermo Arias / AFP)

Domenica alle 16.45 in Cattedrale (cripta)

Da La Libertà del 25 settembre

La Chiesa celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato dal 1914.
È sempre un’occasione per dimostrare la preoccupazione per le persone vulnerabili in movimento, per pregare per le sfide e aumentare la consapevolezza sulle opportunità offerte dalla migrazione.

Nel 2019, la Giornata verrà celebrata domenica 29 settembre.
Papa Francesco ha scelto il tema “Non si tratta solo di migranti” per mostrarci i nostri punti deboli e esortartci a che nessuno rimanga escluso dalla società, che sia un cittadino residente da molto tempo o un nuovo arrivato.
Domenica 29 settembre alle 16.45 nella cripta della Cattedrale si terrà una Meditazione musicale su testi di Papa Francesco. Insieme agli insegnanti dell’Istituto Diocesano di Musica e Liturgia, suoneranno e canteranno artisti originari della Cina e della Nigeria (si veda sotto la locandina).
Al mattino un gruppo partirà da Reggio per partecipare alla Messa con il Papa in piazza San Pietro.

Il prossimo appuntamento sarà il 13 ottobre per il Pellegrinaggio dei Popoli al santuario della Beata Vergine di Lourdes a Montericco. Tutti sono invitati.

Ufficio Migrantes



Leggi altri articoli di Chiesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.