Cristo al centro della vita dei martiri

Parla monsignor Pierre Nguyên Van Tot, nunzio apostolico in Sri Lanka

Il giorno di Pasqua a Colombo, capitale dello Sri Lanka, un gruppo di terroristi si è fatto esplodere in tre chiese e in tre alberghi della città causando 257 morti (42 stranieri e 45 bambini) e oltre 500 feriti. Si è trattato di uno degli attentati kamikaze più efferati tra quelli attribuiti allo Stato Islamico: i terroristi hanno scelto le Messe del giorno di Pasqua (il 21 aprile) per uccidere il maggior numero di persone.
A seguito degli attentati il Paese ha vissuto alcune settimane di paura e massima allerta.
Le scuole sono rimaste chiuse, i cristiani non si sentivano protetti dalle forze dell’ordine e i musulmani temevano rappresaglie.
La celebrazione delle Messe nelle chiese è ripresa solo il 9 maggio. Per due domeniche (il 28 aprile e il 5 maggio), i cattolici dello Sri Lanka hanno pregato in diretta televisiva non potendo recarsi in chiesa.

Oggi, a due mesi dagli attacchi, molte comunità della capitale hanno istituito un servizio di sorveglianza autogestito davanti alle chiese che sono ancora considerate un obiettivo sensibile.
“Il governo – commenta monsignor Pierre Nguyên Van Tot, nunzio apostolico in Sri Lanka dal 2014 – doveva e poteva fare di più; si sapeva che le comunità cristiane stavano correndo rischi. Non siamo stati adeguatamente protetti. Intere famiglie sono state colpite”, commenta l’arcivescovo che risiede a Colombo e da subito si è impegnato per portare conforto e aiuto ai parenti delle vittime.

Incontro monsignor Van Tot a Correggio dove il diplomatico vaticano ha trascorso alcuni giorni di riposo a inizio giugno a casa della sorella Maria.
Su una popolazione di circa 22 milioni, lo Sri Lanka è in maggioranza buddista e di etnia cingalese (il 75%); viene poi l’etnia Tamil (18%, in maggioranza indù). I cattolici sono circa il 6,8% della popolazione e appartengono a diversi gruppi etnici. Vi è anche una consistente comunità musulmana (il 9%) che in passato si è scontrata con gruppi fondamentalisti buddisti, i quali hanno talvolta preso di mira anche i cristiani.
Con le stragi di Pasqua il paese è ripiombato nel terrore. Tra il 1983 e il 2009 lo Sri Lanka è stato straziato dalla guerra etnica civile che ha visto contrapposte le forze governative al gruppo separatista delle “Tigri per la liberazione del Tamil”.

Continua a leggere tutto l’articolo di Emanuele Borghi su La Libertà del 19 giugno

Monsignor Pierre Nguyên Van Tot (foto di Enos Guidetti)


Leggi altri articoli di Chiesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *