Ottimo LAVORO, Maestri!

Il Consolato di Reggio Emilia ora conta 219 soci

Quattordici nuovi soci si sono aggregati al Consolato di Reggio Emilia dei Maestri del Lavoro, portando il totale a 219 membri. I momenti dell’ufficialità sono stati due: il 1° maggio a Bologna, nell’Aula magna “Santa Lucia”, sono stati insigniti della “Stella al Merito del Lavoro” alla presenza della Console regionale Alessandra Castelvetri (foto 1); sabato 18 maggio a Reggio, nella sala convegni di Palazzo Cassoli Tirelli, sede di Unindustria, hanno ricevuto il brevetto d’iscrizione sul registro dei decorati dalle mani del prefetto Maria Forte (foto 4). Rallegramenti e complimenti, dunque, ai concittadini che presentiamo nella colonna di destra.

È il caso di ricordare che la “Stella” che comporta il titolo di “Maestro del Lavoro” viene conferita con decreto del presidente della Repubblica su proposta del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Può essere concessa a coloro che abbiano compiuto i 50 anni di età e prestato attività lavorativa ininterrottamente per almeno 25 anni alle dipendenze di una o più aziende. Al requisito oggettivo si aggiunge una valutazione dei titoli guadagnati sul campo: la persona può essersi particolarmente distinta quanto a perizia, laboriosità e buona condotta morale, essendo cioè di esempio, incitamento e insegnamento agli altri; o può aver migliorato l’efficienza degli strumenti e dei metodi di lavorazione con invenzioni e innovazioni in materia tecnica e produttiva; o avere contribuito in modo originale al perfezionamento delle misure di sicurezza del lavoro; o ancora essersi prodigata per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

Leggi il testo integrale dell’articolo di Edoardo Tincani su La Libertà del 29 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *