Guastalla, continuano i lavori nell’ex chiesa di San Francesco

Sono in corso lavori di ripristino con miglioramento sismico dell’ex chiesa di San Francesco a Guastalla e del relativo campanile, in seguito agli eventi sismici del 2012 che hanno provocato una serie di nuove lesioni e nuovi dissesti ed aggravato alcune lesioni già esistenti. Questo progetto comporta una spesa complessiva di 400mila euro.

Foto Franzosi

Gli interventi sono prioritariamente finalizzati a:

  • Riparare i danni e i dissesti in atto;
  • Assicurare una buona organizzazione della struttura, curando particolarmente l’efficienza dei collegamenti tra le pareti verticali dell’edificio e tra queste ultime e gli orizzontamenti
  • Eliminare gli indebolimenti locali;
  • Ridurre la spinta generata dalle coperture e dalle strutture voltate.
  • Sono state adottate soluzioni che non inducano un aumento dei carichi permanenti.
Foto Franzosi

 

Descrizione degli interventi

Le valutazioni di sicurezza sono state condotte tenendo conto dell’unità strutturale e delle interazioni con le unità strutturali adiacenti (di altra proprietà).

In particolare:

  • Sono state individuate le vulnerabilità dell’edificio;
  • Sono state eseguite le verifiche di sicurezza nei confronti dei carichi statici sulle strutture orizzontali e verticali individuando le incompatibilità con le condizioni di esercizio previste;
  • Sono stati valutati periodo di ritorno e relativa accelerazione dell’azione sismica in grado di attivare i singoli meccanismi di danneggiamento/collasso e tabellati in ordine decrescente di vulnerabilità.

Gli interventi proposti sono principalmente mirati a ridurre la vulnerabilità della chiesa e consistono essenzialmente nell’inserimento di tiranti e fasce in acciaio o fasce di CFRP.

Come previsto all’art. 8 del Regolamento allegato all’Ordinanza n° 74 del 20 novembre 2014 sono inoltre previste tutte le opere di finitura strettamente connesse alle opere di riparazione del danno.

Foto Franzosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *